Installazione “monopc” su USB

chiavetta

Con l’arrivo dei nuovi e semplici mezzi per installare il proprio OS su supporto USB, e con la sempre maggiore capacità degli stessi, è sempre in aumento il numero di quelli che installano un OS di emergenza preconfigurato su una chiavetta USB. Il fatto è che nonostante si possano installare pacchetti, salvare file e via discorrendo, l’installazione mantiene comunque gli aspetti principali di un livecd, e questo lo sa bene chi è possessore di schede ATI/Nvidia o che comunque richiedono l’utilizzo di driver proprietari. Pur installando infatti i driver, ad ogni riavvio si avrà la configurazione base, e quindi scarsa risoluzione ed effetti 3d disabilitati. Ora ovviamente il fatto di poter avere tutto ben a punto è solo una sciccheria, ma dato che mi è capitato di aiutare diversi utenti che me lo chiedevano mi pare giusto pensare che possa essere una cosa gradita da diversi di voi. Quello che andrò ad illustrarvi è un semplice workaround che ho escogitato in pochi secondi per aiutare le persone citate in precedenza, n.b. se lo applicherete potrete utilizzare la chiavetta solo sul vostro pc (su altri con schede diverse avrebbe problemi con la grafica) ma è ovviamente del tutto reversibile.La procedura è valida su tutte le distribuzioni GNU/Linux che utilizzano xorg (ma con i giusti cambiamenti, perché no, anche su xvesa e gli altri) ma prima di presentarla facciamo un piccolo riassunto per vedere come installare normalmente GNU/Linux su chiavetta USB in maniera persistente.

Ubuntu: basta andare in Sistema->Amministrazione->Creazione disco di avvio USB e selezionare quindi l’immagine .iso da utilizzare, la chiavetta di destinazione e lo spazio da dedicare al file di persistenza:

Schermata-Crea disco di avvio USB

Unetbootin: per tutti è possibile utilizzare questo semplicissimo programmino (scaricabile da qui) impostando l’immagine .iso dell’OS (ma si può anche selezionare un OS che verrà scaricato da internet o addirittura altre impostazioni avanzate) e la chiavetta di destinazione:

Schermata-UNetbootin

N.B. per tutte le distro GNU/Linux, a meno che non sappiate cosa state facendo con repo aggiuntivi et similia, basta scaricare la versione eseguibile, dargli i permessi di esecuzione (clik dx->proprietà->permessi) e avviarlo con un doppioclik (la trovate qui). Unetbootin funziona anche su Windows.

Ok, una volta installato il tutto iniziamo con la nostra procedura, avviamo GNU/Linux ed installiamo i driver per la nostra scheda video, per ubuntu basta utilizzare jockey, per tutti gli altri envi o il proprio gestore di pacchetti o ancora l’installer scaricato dal sito ufficiale del produttore. Una volta installati i driver lo xorg.conf verrà riconfigurato, e questo permette, dopo il logout, il corretto utilizzo degli stessi. Se però invece del logout si effettua il riavvio lo xorg.conf tornerà ad essere quello originale, ecco quindi un piccolo trucchetto per imporre la nostra volontà🙂

Facciamo una copia del file xorg.conf modificato:

sudo cp /etc/X11/xorg.conf /etc/X11/xorg.conf.miaschedavideo

dove al posto di “miaschedavideo” potete scrivere “ATI” “Nvidia” o “quellochevolete”, l’importante è non inserire spazi (se non li sapete gestire).

Apriamo quindi /etc/rc.local con un editor di testo, ora io indicherò gedit ma basta sostituirlo col vostro preferito, in generale, se non sapete che usare, “nano” è un editor di testo a riga presente in tutte le distro.

sudo gedit /etc/rc.local

Il file dovrebbe apparire (a meno di vostre modifiche precedenti) più o meno così:

#!/bin/sh -e
#
# rc.local
#
# This script is executed at the end of each multiuser runlevel.
# Make sure that the script will “exit 0” on success or any other
# value on error.
#
# In order to enable or disable this script just change the execution
# bits.
#
# By default this script does nothing.

exit 0

Prima di “exit 0″ inserite le seguenti righe:

rm /etc/X11/xorg.conf

cp /etc/X11/xorg.conf.miaschedavideo /etc/X11/xorg.conf

Salvate e chiudete.

D’ora in poi al riavvio avrete la vostra scheda perfettamente configurata e funzionante, questo perché lo script, che viene eseguito prima dell’avvio di X, sostituisce lo xorg.conf originale con quello per la vostra scheda. Per utilizzare la chiavetta su altri pc dovete prima impedire che lo xorg.conf venga cambiato, vi basterà riaprire il file sopraccitato e mettere un # davanti alle due righe in questione.

Serve aiuto? LQH!

13 Responses to “Installazione “monopc” su USB”


  1. 1 djneophyte 3 settembre, 2009 alle 3:57 pm

    Ottima guida,bravo!

  2. 2 streetcross 3 settembre, 2009 alle 4:09 pm

    @djnephyte grazie😉 troppo gentile

  3. 3 thek3nger 3 settembre, 2009 alle 4:37 pm

    Ottima guida!

    MA che ci fa la gente con un installazione USB mono-pc?😀

  4. 4 streetcross 3 settembre, 2009 alle 5:06 pm

    @thek3nger beh ovvio, lo usa come OS di emergenza pronto a tutto😀 come ho scritto nell’articolo la cosa è stata “inventata” perché me l’hanno chiesta, quindi evidentemente c’è chi fa così, personalmente ho quei 4-5 os installati sul mio pc e non mi serve l’usb di emergenza😀

  5. 5 superlex 6 settembre, 2009 alle 12:44 am

    oh ma quindi è fresca fresca questa guida.. complimenti🙂
    Poi quando riuscirò a far partire la pennina ti dirò se funziona😛

  6. 6 gato 6 settembre, 2009 alle 3:41 pm

    A un amico ho installato Ubuntu su una chiave usb da 8 GB come se fosse su un hd. Im mio amico è molto paranoico, quindi il suo windows xp non è mai andato su internet (neanche per gli aggiornamenti) Lo usa principalmente per photoshop (fa il fotografo, anche se non di professione). Ho impostato il pc con partenza da usb, quindi quando vuole navigare infila la chiave, accende e parte Ubuntu. Per fare meno scritture sulla chiave ho messo file system ext2, ed ho fatto la swap sul hd. Per adesso (sono 4 mesi che l’ho fatto) va tutto bene, ma sono curioso quanto durerà la chiave…..

  7. 7 streetcross 7 settembre, 2009 alle 1:24 pm

    @superlex grazie ^_^ beh per funzionare funziona, l’ho fatta provare a due utenti prima di pubblicarla😉

    @gato onestamente non ne ho idea, ma se utilizza il pc ogni giorno direi che una pennetta di medio mercato può durare qualcosa più di un anno.

  8. 8 superlex 7 settembre, 2009 alle 5:37 pm

    Sì sì mica volevo dire che non funziona in generale.. non funziona a me xD Ho usato direttamente unetbootin, con immagine xubuntu9.04, fs ext3, ma non riesco a farla bootare all’avvio del pc, pur avendo settato bene il bios. Secondo te da cosa può dipendere? Hai qualche consiglio?🙂

  9. 9 streetcross 8 settembre, 2009 alle 1:21 pm

    @superlex, non boota e non la vede oppure ti da errore? io ho un problema con la mia e posno sia un problema nella tabella delle partizioni (e mi da errore bootando) ma non ho ancora avuto il tempo di interessarmi dato che per me non è fondamentale, se invece non la vede proprio, oltre che ricontrollare il bios, ti consiglio di controllare se la partizione è bootable

  10. 10 superlex 8 settembre, 2009 alle 6:09 pm

    Neanche per me è fondamentale, ho una partizione di 10GB a posta per un ubuntu di riserva🙂
    Ti spiego, all’avvio la pennina è riconosciuta, però esce scritto che non trova l’immagine (del kernel suppongo) per fare il boot, e nella riga sottostante esce scritto
    boot:
    e non so che scriverci..

  11. 11 streetcross 11 settembre, 2009 alle 10:15 am

    @superlex ah ok, quindi per bootare boota, il problema allora pare essere un problema di configurazione del boot loader, o magari di una installazione fallata, sul blog è difficile seguirti, però che ne dici di aprire una discussione sul forum e chiedermi auto lì? così possiamo gestire meglio il tutto😉

  12. 12 superlex 11 settembre, 2009 alle 6:45 pm

    ovviamente🙂 poi riporto qui il link della discussione, nel caso capitasse a qualcun’altro🙂

  13. 13 superlex 26 marzo, 2010 alle 9:51 pm

    Ciao!
    Mi sono perso qualche passaggio.. Oltre al file .xorg, viene sovrascritto anche il file rc.local, e in generale, tutte le modifiche non vengono salvate.


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




Serve aiuto? LQH!
settembre: 2009
L M M G V S D
« Lug   Dic »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
282930  

Blog Stats

  • 419,021 hits

Più cliccati

  • Nessuna
Planet LQH
Planet di ubuntu-it


Smilla Magazine
iwinuxfeed.altervista.org

RSS Feed sconosciuto

  • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprovare più tardi.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: